Google EAT: cos’è e cosa significa

Un approfondimento su Google EAT: i tre principi di valutazione qualitativa di Google. Esperienza, Autorevolezza, Affidabilità.

Cosa significa EAT per Google

Google EAT è l’ acronimo inglese di “Expertise, Authoritativeness, Trustworthiness”, in italiano Esperienza, Autorevolezza, Affidabilità e rappresenta una metrica di valutazione adottata negli ultimi anni da Google per valutare la qualità di contenuti di una pagina.

È un paradigma introdotto nel 2015 da Google nei suoi criteri di valutazione e facente parte del documento ufficiale Search Quality Evaluator Guidelines (SQEG) nel quale sono riportate le linee guida utilizzate dai Google Quality Rater per valutare manualmente le pagine YMYL e i contenuti delle SERP.

Vediamo in dettaglio i tre aspetti alla base del Google EAT:

  • Expertise;
  • Authoritativeness;
  • Trustworthiness.

Esperienza

Secondo questo parametro chi scrive un contenuto per il web dovrebbe dimostrare esperienza e padronanza nel trattare quello specifico argomento. Rappresenta la comprovata conoscenza professionale maturata negli anni affrontando e risolvendo in prima persona il caso specifico descritto.


Autorevolezza

Il secondo aspetto riguarda l’autorevolezza, ossia la capacità di farsi riconoscere da altre persone come esperto in una determinata materia e fonte autorevole comprovata.


Affidabilità

L’ultimo aspetto riguarda l’affidabilità e l’intento per cui vengono pubblicati determinati argomenti. L’autore deve perseguire scopi fini all’utilità degli utenti che cercano determinate informazioni, non puntando esclusivamente ad ottenere visibilità e pubblicando pertanto contenuti non curati, di poco valore o addirittura non veritieri.


Google EAT: le linee guida da rispettare

Secondo le metriche E-A-T di Google quindi un sito per essere considerato di qualità deve dimostrare competenze specifiche e dimostrarsi autorevole ed affidabile sull’argomento che tratta. Ma scopriamo insieme quali sono le caratteristiche che rendono il contenuto di un sito di qualità:

  • il Main Content, o contenuto principale, dev’essere autorevole ed affidabile, soprattutto se relativo a pagine YMYL;
  • il contenuto della pagina dev’essere chiaro, esaustivo e soddisfare le aspettative del lettore sul tema trattato;
  • i Supplementary Content, o contenuti accessori, possono essere integrati con lo scopo di arricchire e migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente. Esempi di contenuti accessori sono i richiami ad articoli correlati di approfondimento e video;
  • il sito ed i suoi contenuti devono essere aggiornati con regolarità;
  • il sito deve dimostrare di godere di una buona reputazione riguardo l’argomento trattato;
  • il sito dev’essere mobile ready;
  • il sito deve fornire informazioni di supporto come pagine di servizi e nap (name, address, phone) per l’assistenza utente.


Come migliorare l’EAT sul tuo sito

È possibile migliorare il Google EAT del proprio sito attraverso alcuni suggerimenti pratici e veloci:


Aggiornando e migliorando i contenuti pubblicati

I contenuti oltre ad essere di qualità, unici ed originali devono essere aggiornati con costanza integrandoli con informazioni utili per l’utente. Pertanto è meglio evitare i Thin Content, articoli con informazioni scarse e di bassa qualità.


Aumentando l’autorevolezza dell’argomento trattato

Per incrementare il livello di autorevolezza di un contenuto agli occhi di Google è possibile inserire link ad articoli pertinenti provenienti da fonti autorevoli. Inoltre, anche se non considerato un fattore di ranking, è consigliata l’inclusione della biografia dell’autore in coda al contenuto pubblicato.


Integrando i dati strutturati

L’integrazione dei dati strutturati all’interno della pagina può facilitare il lavoro degli spider nel riconoscere e catalogare le informazioni trattate e spingere conseguentemente Google a prediligere il nostro contenuto rispetto a quello di un competitor.


Approfondimento

Potrebbe interessarti qualche altro articolo di approfondimento sul tema Google EAT:

E-A-T and SEO: How to Create Content That Google Wants: come creare contenuti secondo il paradigma EAT, articolo dal blog di Moz.com, autore Ian Booth.

Google E-A-T: How to Improve your E-A-T Ranking Score: qualche ulteriore suggerimento su come migliorare l’EAT score del tuo sito, dal blog di searchmetrics.com, autore Jan Grundmann.

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Marco D'Amico

Marco D'Amico

SEO Specialist, Digital Strategist e fondatore di SEOAlk. Da anni si occupa di sviluppo web, ottimizzazione SEO e Digital Coaching.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche